Morfina ed oppioidi

La morfina è un alcaloide che si trova nel papavero da oppio (papaverum somniferum) ed è il principio attivo dell’eroina. Morfina ed oppioidi sono sostanze molto pericolose. La morfina venne isolata originariamente dal farmacista Friedrich Sertürner nei primi anni del XIX secolo nel tentativo di trovare un potente analgesico. In realtà dopo alcuni anni ci si rese conto delle gravi dipendenze ed intossicazioni causate dall’abuso di morfina e tutt’oggi l’utilizzo di questa sostanza è regolamentata a livello legislativo. In effetti con il tempo ed il ripetersi delle assunzioni l’organismo è soggetto al fenomeno della tolleranza. Gli effetti piacevoli durano sempre meno e sono più leggeri, obbligando l’individuo a prenderne sempre di più per sperimentare le stesse sensazioni iniziali.

Fumare eroina - Comunità di Recupero
Vincere la dipendenza è possibile. Scopri in che modo aiutiamo, chiama!
Papaveri da oppio - Morfina - Eroina

Oppioidi

Per oppioidi si intendono tutte quelle sostanze ricavate dal papavero da oppio. L’oppio era usato già 5.000 anni fa per usi medici e ricreativi. Con un effetto euforizzante ed analgesico dovuto alla morfina contenuto in esso viene usato da millenni in medicina e come droga da strada. L’oppio, chiamato anche VELENO NERO può essere ingerito o fumato in apposite pipe generando una fortissima dipendenza. Il suo principio attivo è e rimane comunque sempre la morfina. In effetti, morfina ed oppioidi in genere, sono sostanze molto pericolose.

Un rapido cambiamento di personalità

La morfina genera molti effetti collaterali. Disturbi del sonno, diuresi ridotta, ipotermia con sudori freddi, inibizione nei confronti del sesso, depressione respiratoria, stipsi, nausea, vomito, mancanza di ciclo mestruale nelle donne e di desiderio sessuale in genere e morte per avvelenamento, infarto ad altro.

Morfina ed oppioidi: effetti collaterali

L’intossicazione cronica può sopraggiunge dopo una/tre settimane di uso continuo. La gravità di essa dipende dal dosaggio, dalla frequenza di somministrazioni e dalla purezza della sostanza. Fisicamente esistono sintomi riscontrabili. Pupille a spillo, dimagrimento, stitichezza, alterazioni dentarie, problemi a fegato e reni sono solo alcuni. A livello psicologico la persona ha scarso appetito, è spesso ansiosa e e irrequieta. Il desiderio sessuale è notevolmente ridotto. Il consumatore abituale diventa apatico, perde interesse nei confronti della vita, delle persone vicine e delle sue passioni. Si circonda di progetti incompleti. Memoria e livello di apprendimento risultano notevolmente ridotti.

Una soluzione alla dipendenza da eroina

Fortunatamente oggi una soluzione efficace esiste.
Il programma Narconon, dal 1966 restituisce la libertà dalla dipendenza di eroina, alcool, cocaina e altre droghe, tramite una riabilitazione efficace e funzionale. Riabilitare vuol dire restituire le abilità. Per tornare a vivere senza droghe bisogna essere in grado di affrontare e saper risolvere i problemi di tutti i giorni. Bisogna essere in grado di comunicare. Occorre avere autocontrollo, usare autodisciplina e adottare dei saldi principi e valori personali. Il programma Narconon nasce proprio per permettere a chi ha abusato di droghe e alcool di tornare alla propria vita libero dalla dipendenza, più capace, più determinato ed entusiasta. Con un percorso graduale il tossicodipendente ritrova una condizione fisica ottimale e rivitalizza quei valori e quelle abilità indispensabili per vivere una vita felice senza droghe.

Per uscire dalle droghe occorre AGIRE. Il primo passo è semplice e puoi farlo subito: Chiama!
Associazione Narconon Astore Onlus

Comunità di recupero dall'eroina

Per risolvere una dipendenza da eroina occorre un ambiente sano, lontano dalle tentazioni. Immersa in un Parco Naturale Protetto, la Comunità di Recupero da eroina Narconon Astore è un luogo ideale per ritornare alla vita stabilmente liberi dalla dipendenza. Richiedi tutte le informazioni necessarie al Numero Verde, sarà nostra premura ascoltarti ed indirizzarti nel migliore dei modi.

Torna su