Gli effetti dell'eroina

L’eroina restituisce una sensazione chimica considerata piacevole ed immediata. Da un punto di vista fisico gli effetti dell’eroina sono molto rilassanti. L’eroina ha la capacità di smorzare od annullare completamente dolore fisico ed emotivo. In generale le droghe rilasciano un effetto considerato piacevole. Le persone prendono droghe per sentirsi meglio. Inizialmente l’illusione è proprio questa. Problemi e angosce spariscono lasciando spazio ad una calma apparente. Ben presto però tutto questo finisce lasciando l’individuo in una trappola micidiale. 

Gli effetti dell'eroina
Vincere la dipendenza è possibile. Scopri in che modo aiutiamo, chiama!
Gli effetti dell'eroina

Perché le persone prendono eroina?

Nel caso dell’eroina il tossicodipendente cerca quello stato di benessere diffuso, la scomparsa di angosce e timori, l’annullamento del dolore fisico, tutti effetti riconducibili alle sostanze oppiacee in genere. Chi assume eroina per via endovenosa ricerca in particolare il flash, una sensazione improvvisa e acuta di euforia, benessere e calore.

Gli effetti dell’eroina: il Flash

Il flash è il momento apice dell’effetto dell’eroina. Ha una durata soggettiva che dipende dalla quantità presa e dal livello di tolleranza (abitudine nei confronti della sostanza), ma che in genere è di pochi minuti. L’effetto dell’eroina comunque continua oltre questa fase dando una sensazione di benessere generale e di inattaccabilità del mondo esterno.

Effetti collaterali

L’effetto più caratteristico degli oppioidi è quello di ridurre la sensibilità e la risposta emotiva al dolore, all’ansia, al disagio. Effetti collaterali frequenti sono la nausea e il vomito (specie le prime volte), e soprattutto la stitichezza. In medicina si usano anche come antidiarroici e calmanti della tosse. Gli oppioidi (specie nell’uso cronico) interferiscono solo in modo trascurabile con le funzioni intellettuali e il coordinamento neuromuscolare. Una dose elevata provoca un sonno pesante, ma una vera overdose può provocare la morte.

Una sensazione attraente ed irresistibile

Non tutte le persone trovano piacevoli gli effetti dell’eroina, soprattutto le prime volte. Ma per alcuni la sensazione di isolamento, contentezza e pace in un mondo ovattato – in cui scompaiono preoccupazioni, tensioni, paure, mentre i pensieri diventano leggeri e liberi, i desideri si annullano, si viene in qualche modo dominati da ottimismo e soddisfazione di sé e del mondo, e ogni cosa è “come dovrebbe essere” – può essere molto attraente o addirittura irresistibile.
Molti non vanno oltre qualche “esperimento”, molti continuano ad assumerli solo saltuariamente, ma alcuni diventano consumatori quotidiani, andando incontro a “tolleranza” e “dipendenza”.

La depressione respiratoria ed il rischio overdose

Un caratteristico effetto secondario dell’eroina sul sistema nervoso centrale (molto importante perché potenzialmente pericoloso) è la depressione respiratoria. Tale condizione si manifesta per azione diretta di questi farmaci sui centri nervosi che controllano gli automatismi del respiro.” L’effetto depressivo massimo si osserva 5-10 minuti dopo un’iniezione endovenosa o 30 minuti dopo un’intramuscolare, e può durare anche 4-5 ore. Anche piccole dosi hanno un qualche effetto sulla respirazione, e dosi tossiche possono ridurre la frequenza a soli 3-4 atti respiratori al minuto. Nel caso di un sovra dosaggio di oppioidi, se il paziente è cosciente, è spesso in grado di respirare a comando (ma non appena viene abbandonato a se stesso “se ne dimentica”). Ovviamente, quando la depressione respiratoria è grave, si può arrivare rapidamente all’asfissia e alla morte. Il rischio di una grave depressione respiratoria è significativamente aggravato dall’uso combinato di oppioidi con alcool o altre sostanze depressive del SNC.

Una soluzione alla dipendenza da eroina

Fortunatamente oggi una soluzione efficace esiste.
Il programma Narconon, dal 1966 restituisce la libertà dalla dipendenza da eroina, alcool, cocaina e altre droghe, tramite una riabilitazione efficace e funzionale. Riabilitare vuol dire restituire le abilità. Per tornare a vivere senza droghe bisogna essere in grado di affrontare e saper risolvere i problemi di tutti i giorni. Bisogna essere in grado di comunicare. Occorre avere autocontrollo, usare autodisciplina e adottare dei saldi principi e valori personali. Il programma Narconon nasce proprio per permettere a chi ha abusato di droghe e alcool di tornare alla propria vita libero dalla dipendenza, più capace, più determinato ed entusiasta. Con un percorso graduale il tossicodipendente ritrova una condizione fisica ottimale e rivitalizza quei valori e quelle abilità indispensabili per vivere una vita felice senza droghe.

Per uscire dalle droghe occorre AGIRE. Il primo passo è semplice e puoi farlo subito: Chiama!
Associazione Narconon Astore Onlus

Comunità di recupero dall'eroina

Per risolvere una dipendenza da eroina occorre un ambiente sano, lontano dalle tentazioni. Immersa in un Parco Naturale Protetto, la Comunità di Recupero da eroina Narconon Astore è un luogo ideale per ritornare alla vita stabilmente liberi dalla dipendenza. Richiedi tutte le informazioni necessarie al Numero Verde, sarà nostra premura ascoltarti ed indirizzarti nel migliore dei modi.

Torna su